Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo
▲ Nascondi Menù
Ambiente e Sport
Artigianato e Sapori
Colora la tua vacanza
« Torna Indietro | Il Territorio : Dettaglio

Oratorio dei Santi Ippolito e Cassiano di Tovo Sant'Agata

Oratorio dei Santi Ippolito e Cassiano

L’oratorio dei Santi Ippolito e Cassiano fa parte di un complesso che comprende anche l’abitazione dei religiosi e la Chiesa della Beata Vergine di Caravaggio (1893-1913), detta anche di San Marco perché in occasione della festa del santo era antica consuetudine recarsi in processione in questo luogo. 


Si trova a mezza costa poco fuori dall’abitato e si affaccia su un ampio sagrato sostenuto dai muraglioni. Fondato in epoca imprecisata, l’oratorio è composto da un’unica aula con volte a crociera, da un’abside poligonale con volta a spicchi e da un piccolo campaniletto allineato alla facciata e raggiungibile attraverso una scala esterna che conduce anche alla tribuna lignea in fondo alla chiesa. Sulla parete destra, oltre l’inferriata che separa l’aula dal presbiterio, un passaggio comunica con la nuova Chiesa della Beata Vergine che ha inglobato, trasformandole in cappelle laterali, due minuscole cappellette con volte a crociera pertinenti al vecchio oratorio e un tempo aperte verso l’esterno: dedicate alla Madonna di Caravaggio e a San Marco, entrambe conservano decorazioni quattrocentesche, ma ciò che colpisce è soprattutto l’affresco della Madonna col Bambino inserito entro un’ancona lignea seicentesca, forse opera di Giovannino da Sondalo o di qualcuno della sua cerchia.


Una bella cancellata in ferro separa l’aula dall’abside, affrescata nel 1590 da Cipriano Valorsa: il ciclo comprende la Pentecoste, Sant’Ippolito, San Cassiano, Angeli musicanti, i Simboli degli Evangelisti, la Colomba dello Spirito Santo e, nel sottarco, sei tondi con altrettanti Profeti.


La decorazione valorsiana interessa anche l’arco trionfale dove figurano il Padre Eterno, l’Angelo Annunciante e la Vergine Annunciata, ma l’inserimento successivo delle volte dell’aula ha parzialmente occultato i dipinti. Al centro dell’abside, illuminata da due finestrelle rettangolari aperte ai lati della scena della Pentecoste, si trova una mensa in muratura sul cui fronte è dipinto Cristo che esce dal sepolcro con gli emblemi della Passione.
La Chiesa della Beata Vergine di Caravaggio, ad aula unica con coro, abside semicircolare e cappelle laterali sulla sinistra, non mostra particolari decorazioni. È però il caso di ricordare un affresco con San Marco, San Giuseppe e San Rocco eseguito nel 1879 dal pittore Felice Carbonera di Vervio.


Fonte: Chiese, torri, castelli, palazzi - i 62 monumenti della Legge Valtellina. A cura di Francesca Bormetti e Maria Sassella

 

Per informazioni:
Ufficio Turistico Tirano
Tel. +39 0342 706066 - iattirano@valtellinaturismo.com

In Evidenza
In Evidenza
banner
Loading
Cerca Disponibilità
Cerca Disponibilità
con BestBooking
In Evidenza
In Evidenza
Download Brochure
Scarica le nostre Brochure
scopri il Terziere Superiore!
Newsletter ValtellinaTurismo
Iscriviti alla Newsletter
rimani aggiornato su news ed eventi